• Sergio Ramelli. Una storia che fa ancora paura
Sergio Ramelli. Una storia che fa ancora paura

Sergio Ramelli. Una storia che fa ancora paura

13 marzo 1975: un ragazzo di 18 anni viene aggredito sotto casa. Due persone lo colpiscono a morte a colpi di chiave ing lese. Morirà dopo quarantasette giorni di agonia. Chi era la vittima e perché fu uccisa con tale violenza? Si chiamava Sergio Ramelli, aveva i capelli lunghi, ed era iscritto al Fronte della Gioventù. E chi erano i carnefici? Teppisti, killer professionisti, mafiosi? No, studenti, di pochi anni più vecchi di lui. Uccisero perché accecati dall'ira o dalla paura? No, colpirono in nome dell'odio politico. Quella era la Milano dell'epoca, quella era l'Italia degli anni Settanta. Ci vollero dieci anni per assicurare i colpevoli alla giustizia, con una sentenza che fece scalpore. Muovendosi tra atti processuali, articoli di giornale e testimonianze dirette, questo libro racconta una storia-simbolo del passato recente del nostro paese: un documento feroce e scomodo, importante per capire il clima di un'epoca e perché quella "guerra civile" ormai lontana ha lasciato una scia fino oggi. Uscito per la prima volta nel 1997, il libro dedicato al "caso Ramelli" divenne a sua volta un caso editoriale. Prima dell'ultima edizione l'ultima distribuita a livello nazionale dalla Sperling & Kupfer, era in assoluto il libro più diffuso fuori dia circuiti commerciali. Solo nei primi 7 anni gli autori si spesero in oltre 120 presentazioni in altrettante città italiane. Oggi il libro torna a disposizione di una nuova generazione che voglia approfondire quella vicenda e non dimenticare... Vedi di più