• Giulio Douhet, Luigi Albertini e l'aviazione militare italiana
Giulio Douhet, Luigi Albertini e l'aviazione militare italiana

Giulio Douhet, Luigi Albertini e l'aviazione militare italiana

Tra la fine del 1914 ed il settembre del 1916 Giulio Douhet, il futuro "profeta" dell'air power, ebbe significativi rapp orti con l'eminente direttore del "Corriere della Sera" Luigi Albertini, come testimoniato dalle lettere conservate tra le carte personali di quest'ultimo. Detti rapporti, nati al tempo della controversa vicenda della costruzione del bombardiere Caproni da 300 hp ed interrottisi a seguito del famoso affaire del "memoriale", ebbero indubbiamente la loro ragion d'essere nella discussione delle questioni riguardanti lo sviluppo dell'aviazione militare italiana, ma non esaurirono totalmente in essa il loro significato, rimandando non di meno a più articolate dinamiche della storia militare, politica e sociale italiana nell'epoca della Grande Guerra. Preceduto da un ampio saggio che inquadra le figure ed i rapporti di Douhet ed Albertini nel contesto della storia dell'aviazione militare italiana nel periodo dal 1912 al 1916, il volume presenta i testi dell'epistolario Douhet-Albertini, per la maggior parte inediti, unitamente ad appendici contenenti altri documenti d'archivio annessi all'epistolario stesso o comunque collegato a tematiche in esso affrontate. Vedi di più